Sara
Sono Sara, ho 28 anni, sono di Milano, ma amo viaggiare e sento casa in tanti luoghi. Leggo, ballo, sorrido, ma penso tanto, sono curiosa. Mi piace conoscere persone nuove e poi ritornare da quelle poche con cui basta uno sguardo per stare bene, la natura mi fa respirare, la città mi affascina, vorrei tempi lenti, ma mi ammalia l’urgenza. Cosa faccio tutti i giorni quando non viaggio? faccio la psicologa e sono danzaterapeuta. Lavoro con i bimbi, i ragazzi e i loro genitori, perchè anche loro, un po’ come un viaggio, sono una scoperta continua. Mi permettono di stupirmi ogni giorno, e conoscendo loro conosco sempre un pezzetto in più di me stessa. Il mio lavoro, i bambini soprattutto, mi permettono di giocare, di danzare, di esserci al cento per cento, ogni giorno, con il mio corpo, le mie emozioni, la mia testa, con tutta me se stessa. Mi obbligano a mettermi in gioco di continuo, a pormi domande, a non accontentarmi mai. Con la loro spontaneità, le loro domande, i loro sogni, mi ricordano ogni giorno quanto è bello essere anche un po’ bambini. In questo caos, nel frattempo, mi sono sposata con Thomas, mio compagno di viaggio da tanto, e insieme abbiamo deciso di iniziare questa avventura con voi, qui con il nostro blog!…ah, guardate qui sotto, è arrivato qualcun altro, pronto a viaggiare con noi!!
Thomas
Sono Thomas, ho 35 anni, sono di Chianciano, in Toscana, ho studiato a Roma e vivo a Milano. Mi piace viaggiare e quando viaggio mi piace fotografare. Cosa faccio io quando non sono in viaggio? Sono ingegnere informatico e lavoro in un’azienda come consulente. Oltre al lavoro? Fotografo, arrampico, mi piace la montagna. Mi piace camminare, sciare, ciaspolare. Mi piace anche il mare, ma senza stare troppo al sole. Cerco l’ombra o con la mia go-pro fotografo anche sott’acqua. A luglio mi sono sposato con Sara, mia compagna di viaggi e nella vita. A settembre, tornati dal viaggio di nozze, abbiamo deciso di raccontare il nostro viaggio di nozze e tutti quelli che abbiamo fatto insieme e così eccoci qui ad iniziare questa nuova avventura!
Olivia
Sono la piccola Olivia. Sono nata da 51 giorni, il 7 giugno 2020. In questi primi 50 giorni ho percorso più di 2000km e chissà quanti ancora ne percorrerò, so che i miei genitori stanno organizzando splendidi viaggi da affrontare tutti insieme! A me piace continuare a muovermi, anche in pancia non mi fermavo mai, ascoltavo musica rock e facevo le linguacce…quindi non vedo l’ora di girare il mondo con gli ACDC in sottofondo e fare le linguacce a tutti i bimbi che incontrerò! Ah, da qualche giorno vedo molto meglio e così sto scoprendo il mondo e la mia curiosità non si ferma…quindi, quando si parte per il prossimo viaggio?!

Nel viaggio c’è un certo sapore di libertà, di semplicità… un certo fascino dell’orizzonte senza limiti, del percorso senza ritorno, delle notte senza tetto, della vita senza superfluo.

Théodore Monod

Il nostro primo viaggio insieme è stato 7 anni fa, in Grecia e da lì non abbiamo più smesso di viaggiare. L’ultimo viaggio è stato quest’estate, un mese in giro per l’Australia, con ultima tappa alle Fiji, in occasione della nostra luna di miele. 

Ecco, proprio quest’ultimo viaggio ci ha un po’ cambiati, ci siamo guardati in faccia e ci siamo detti ma chi ce lo fa fare di tornare?

Questa volta insieme siamo tornati con la voglia di iniziare qualcosa di nuovo, di condividere le nostre esperienze di viaggio con altri appassionati viaggiatori, di essere una spinta per chi non sa se partire. O ancora di poter essere di supporto a chi vuole organizzare un viaggio, dando quelle dritte che ci sarebbe piaciuto avere nei nostri giri. Per poter risparmiare, per poter vedere quella cosa nascosta ma imperdibile o per sapere dove fare una sosta. 

E ora siamo curiosi di vedere questo nuovo viaggio dove ci porterà!

Cos’è per noi il viaggio

Il viaggio è libertà. E’ scoperta, è meraviglia, è conoscenza, è contatto con altre persone, con le loro diversità, con i loro mondi. Il viaggio è un’avventura, che può avvenire dietro casa o molto molto lontano, in compagnia o da soli. Il viaggio prevede un’organizzazione, la preparazione, la partenza, l’esperienza, il rientro e la rielaborazione dell’esperienza. Quindi può essere un viaggio che mi porta in giro, ma può essere anche un’esperienza di vita, come questo blog.

Il viaggio, a me Sara, mi ha permesso fin da piccola di sognare, di vivere in tanti modi diversi, di fare esperienze. Mi ha dato l’opportunità di crescere e tanto di quello che so e che sono, sono sicura di doverlo ai viaggi, che grazie ai miei genitori hanno fatto parte della mia esperienza fin da piccola. Insieme ci ha permesso di fare scoperte insieme, di conoscerci in viaggio. Quindi ci piace viaggiare non perchè siamo in vacanza (si certo non è male essere in vacanza), ma perchè è una scoperta continua, perchè fa sentire vivi. Ci fa scoprire sempre un pezzetto in più di noi e degli altri, mi fa assaporare una libertà che difficilmente ritroviamo a Milano. Viaggiare è un brivido. E’ superare la quotidianità. Thomas mi fa spesso la domanda è se il viaggio diventasse la quotidianità? Manterrebbe sempre quel fascino e quel senso di libertà? Al momento io non ve lo so dire, ma chissà che un giorno sappia darmi una risposta!

Per quanto mi riguarda, io non viaggio per andare da qualche parte, ma per andare. Viaggio per il viaggio. La cosa importante è muoversi.

Robert Louis Stevenson